Laboratorio di commedia dell'arte

 

Con la sua apparizione nell’Italia del XVI secolo e con la successiva diffusione e adattamento in tutta Europa, si determina una svolta importantissima nella storia del teatro occidentale: con la Commedia, il Teatro da ritualistico o dilettantistico diventa professione (arte), nasce l’attore nuovo, depositario di una sua scienza del recitare. Nasce, quindi, il Teatro Moderno. Riproposta oggigiorno, la Commedia dell’Arte si rivela disciplina rigorosa, della quale la pratica e la conoscenza sono indispensabili a coloro che del teatro intendono fare una scelta professionale.  Attori professionisti desiderosi di aggiornarsi, allievi delle scuole di Arte Drammatica, studenti e studiosi delle discipline dello spettacolo, sono coloro ai quali lo Stage si rivolge.

MATERIE DEL CORSO

- La Maschera: uso e significato

- Tipi fissi e caratteri: Vecchi, Innamorati, Zanni, Capitani e le loro principali varianti

- Funzioni dei caratteri

- Gestualità e comportamento dei caratteri

- I lazzi

 

Le lezioni sono di tre tipi:

Tecnica, Improvvisazione, Canovaccio

Responsabile del Laboratorio:Antonio Fava

Antonio Fava è attore, autore, regista teatrale. Maestro di Commedia dell’Arte e di discipline comiche.

Dirige la Scuola Internazionale dell’attore comico a Reggio Emilia, in Italia.

Progetta e realizza maschere in cuoio in uso presso la sua scuola e nei suoi spettacoli.

Insegna Commedia dell’Arte in Istituti, Università e Accademie d’Arte Drammatica in tutto il mondo.

Espone le sue maschere in importanti musei e istituzioni culturali ed è regista internazionale.

E’ autore del libro “la maschera comica nella commedia dell’arte” pubblicato da Andromeda editrice, Italia dalla North Western University Press. USA, e da LIBROSDELBALCON Argentina.

Ha pubblicato per ArscomicA Editrice: “Vita morte e resurrezione di Pulcinella” la maschera che ha tenuto in vita la Commedia dell’arte e LE DODICI FATICHE DI PULCINELLA

 

www.antoniofava.com

Iscriviti subito o

richiedi informazioni

© 2018 All rights reserved. Associazione culturale Le Rane.